La nuova competizione commerciale attraverso Google

La nuova competizione commerciale attraverso Google

Il mondo virtuale è il mondo parallelo del nuovo millennio: non è abitato da fate o folletti, ma da veri e propri soggetti che esistono in carne ed ossa e che si tramutano in dati e algoritmi non appena varcano i confini del browser.

Come accade nella vita reale, così anche nel World Wide Web, l’importante è vivere e non lo si fa se non si è visibili. Allo stesso tempo, così come nella vita reale esistono i potenti, anche nel World Wide Web, c’è chi fondamentalmente, per alcuni aspetti, detta le regole.

Questo ruolo spetta sempre più fortemente, al motore di ricerca: colui che analizza tutti i dati che si chiamano all’appello in una ricerca, riconsegnandoli all’utente finale, in una classifica di rilevanza creata in base a specifiche parole-chiave.

Tuttavia il motore di ricerca non è unico in quanto l’apparente democrazia di internet, permette l’esistenza di molti di questi sistemi automatici e infatti esistono Yahoo, Ask, Bing, Live e Arianna molto utilizzato in Italia, fino a qualche anno fa.

Nella breve lista sopracitata non è stato inserito per volontà, il più utilizzato al mondo dei motori di ricerca, 8 miliardi di pagine, fatturato di milioni di dollari ovvero Google: troppo distacco in termini di utilizzo dai precedenti. “Googlare” è presente persino nel vocabolario italiano e sta ad indicare la ricerca su internet.

Google è il potente e questo suo successo ha generato delle valutazioni sia da parte dell’azienda Google, sia dagli internauti, blogger, webmaster e quant’altro, basate sul concetto dell’indicizzazione.

Come in una gara a “chi arriva per primo”, ogni giorno, ogni ora e ogni secondo è scandito da centinaia di ricerche e chi ha una pagina web, un blog, un negozio on -line, si ritrova a partecipare alla competizione, sperando di apparire almeno nella prima delle centinaia di pagine piene di dati che google presenta.

Se ciò non accadesse significherebbe che in questo mondo parallelo del World Wide Web, non si esiste neanche. E’ la nuova fame di notorietà ed è anche la nuova competizione commerciale a livello globale.

Leave a Reply